Viaggi

#Wanderlust Tag

Ed eccomi di nuovo in gioco con una nuova catena di tag… mi piacciono un casino!!
Questa volta devo gratitudine per quest’opportunità alla nomina dei fantastici  AleandVale per cimentarmi nel #Wanderlust Tag fantasticamente ideato da Iris & Periplo Blog e le regole sono precisamente le seguenti:

  1. Nominate il blog ideatore del tag
  2. Ringraziate e taggate chi vi ha nominati
  3. Rispondete alle 10 domande e, se volete, inserite le foto dei vostri viaggi
  4. Taggate altri tre blog
  5. Utilizzate questa foto qui sotto

Processed with MOLDIV

Di origini tedesche, la parola “wanderlust” letteralmente vuol dire “desiderio di vagabondare” e nel tempo il suo significato è stato esteso ad una sorta di impellente desiderio di esplorare il mondo, scoprire nuovi posti, conoscere ed entrare in contatto con nuove culture. Più semplicemente, il Wanderlust è conosciuto come la “malattia del viaggiatore”.

In tanti hanno riconosciuto alcuni tratti sintomatici comuni a tutti i viaggiatori:
-il primo è il bisogno fisico di viaggiare, con questo s’intende l’intraprendere un percorso di conoscenza di luoghi e gente mai conosciuti prima e fare esperienze mai provte prima.
-il secondo è un’ossessione alquanto “maniacale” per i prezzi dei voli, come se il denaro, e qui cito la fonte da cui ho tratto queste informazioni, abbia valore solo in base a dove ci può portare.

Sono molte le sfaccettature di questa “sindrome” e devo dire che per 5 anni della mia vita ne ho sofferto molto. Ero al liceo e quel liceo non era assolutamente fatto per me. Troppa matematica, troppi numeri, troppe formule. Io ero per l’estro, la creatività e la curiosità, cosa che ho capito nel 2008, la prima volta che ho messo piede in USA e forse è da quell’anno che ho iniziato a soffrire di Wanderlust: “chi soffre di Wanderlust rischia di non trovarsi bene in nessun posto, preso dalla smania cieca di vedere, girare, esplorare, senza fermarsi mai.”

Ho sempre avuto questa tendenza a scappare, a cercare rifugio in giro per il mondo, a rincorrere il mondo in cerca di qualcosa che non riuscivo ad identificare. Beh, quel qualcosa era me stessa.

Dopo una storia conclusa con un uomo che pensavo sarebbe diventato “l’uomo della mia vita” e con cui avrei dovuto mollare tutto e trasferirmi in Spagna subito dopo la laurea, ho capito una cosa che pochi riescono a comprendere:

non è il posto che fa la differenza, siamo noi, qui ed ora.

Sento proprio la mancanza di comprensione di questo piccolissimo dettaglio quando ascolto certi racconti di certi viaggi fatti solo per dire “io sono stato/a là”. Secondo me un viaggio lo si deve sentire dentro. Devi sentirlo scorrere nelle vene per poter dire di essere stato davvero in un certo posto!

Viaggiare non è una moda, viaggiare è vivere la nostra vita lontani per un po’ da quel posticino che chiamiamo casa.

E nel momento in cui questa magia viene a mancare e viene sostituita dall’asettico “io ci sono stato lì”, secondo me è lì che si potrebbe parlare di “sindrome”.

Ma bando alle ciance!

Ora giochiamo!

Per prima cosa: dove siete stati finora?

Ho iniziato a viaggiare nel 1995, a 4 anni, e finora ho visitato insieme alla mia famiglia ma anche da sola 17 nazioni differenti.

Qual è la città o paese più bello dove siete stati?

O cielo… queste domande in cui si chiede di scegliere un unico posto bellissimo di questo mondo bellissimo mi mettono quasi ansia… Vediamo… Dire Italia mi sembrerebbe troppo scontato, per cui opto per l’Andalusia alla pari con gli Stati Uniti dell’Ovest (Utah, Arizona, Nevada).

183543_1812251875192_950747_n

Siete stati più di una volta nello stesso posto o preferite visitare ogni volta un posto nuovo?

Ci sono degli intramontabili evergreen che non mi stancherò mai di visitare come Firenze, New York, Siviglia. Ogni volta è un’emozione unica e diversa. Poi però… sono sempre per le nuove scoperte!

Consigliatemi il miglior locale (ovunque nel mondo) dove siete stati a mangiare.

Dalle ricerche che ho fatto sembra che sia chiuso in questi ultimi tre anni, ma ho un ricordo meraviglioso di un pranzo fatto penso alle 5 di pomeriggio al Bluegill in Alabama nel 2013. Le migliori ostriche alla piastra con formaggio, il miglior tonno, i migliori pomodori verdi fritti, la migliore musica americana country. Il migliore.

Siete per le vacanza al mare, in montagna o per le città?

Chissà se posso rispondere che sono per le vacanze e basta?? Ah ah ah! Adoro le vacanze in cui puoi girare e scoprire il mondo in cui ti trovi! Per oziare e rilassarmi vorrei godermi la vecchiaia! Perciò, se dovessi scegliere tra scalare l’Everest e stare una settimana a prendere il sole alle Maldive, probabilmente sceglierei l’Everest!

Qual è il souvenir che non mancate mai di portare a casa?

Una cartolina. Dal viaggio in Messico del 2003 riporto sempre una cartolina, ma devo dire che mi sono un po’ pentita di non aver iniziato con le tazze mug. Le ADORO.

Nella vostra valigia cosa non manca mai?

La sciarpa magica che mi ha seguito per anni e anni e qualsiasi cosa per scattare foto, tante foto, centinaia di foto, mille foto, tanti giga di foto!

In quale luogo già visitato ritornereste volentieri?

Tornerei di corsa al Grand Canyon National Park dell’Arizona come anche alla Monument Valley (Utah-Arizona) per poterli vedere senza neve e senza -10° di giorno.

163225_1766940702911_5592465_n

Ed invece in quale posto già visitato non tornereste?

Las Vegas. La ritengo un’imitazione di cattivo gusto di tutto il mondo sopra ogni immaginazione. Spostandoci più vicino casa, non tornerei invece a Cadice. Troppo spoglia rispetto a tutta l’Andalusia.

La meta del vostro prossimo viaggio?

Il prossimo prossimo prossimo è in Alsazia: un tour dei mercatini di Natale di Riquewihr (che ha ispirato i disegnatori de La bella e la bestia Disney), Colmar e Strasburgo. On va en France! Preparatevi ad un fantastico articolo!!

Ebbene, il gioco è finito ma ora tocca a:

Antonietta del blog I Love Hawaii

Raffy del blog Piccola Sicilia

Neogrigio del blog Una vita non basta

 

E voi? Cosa ne pensate? Fatemi sapere!!

Le regole fanno taggare solo altri 3 blog ma se volete partecipare sentitevi liberi di commentare o partecipare all’iniziativa di Iris&Periplo condividendo sui social il tag #Wanderlust Tag.

Buona notteeeeeee

Comments (0)

    • Avatar

      home.luggage.blog

      Infinitamente grazie *.*

      Reply

      • Avatar

        Neogrigio

        per così poco. Se vuoi poi posso passarti anche qualche dritta più specifica, magari in privato (via mail) se ne hai bisogno

        Reply

        • Avatar

          home.luggage.blog

          Lo apprezzerei tantissimo! Soprattutto per i posticini dove mangiare!!

          Reply

          • Avatar

            Neogrigio

            lunedì quando pubblicherò il tuo tag ne troverai uno 😉

          • Avatar

            home.luggage.blog

            Grazie ??

  • Avatar

    Alessia

    È molto vera e mi trova assolutamente d’accordo la tua considerazione fatta all’inizio. Per molti viaggiare si limita a un freddo “ce l’ho, mi manca”. Quante volte, anche nei commenti, ci si riduce a dire “anch’io ci sono stato, anch’io ho fatto questo”? Come fosse una gara… anzi, spesso ti commentano un posto solo se anche loro ci sono stati… ?
    Ti auguri di non tornare al Grand Canyon con -10gradi…io te lo invidio proprio, invece! Deve essere spettacolare! E speriamo non abbia chiuso quel posticino in Alabama… Mi hai messo voglia di ostriche già di prima mattina ?Sarebbe il mio sogno farmi un giretto per gli stati del sud in America! Grazie per aver partecipato cara! Un abbraccio?

    Reply

    • Avatar

      home.luggage.blog

      Eheheh ma grazie a te di avermi dato l’opportunità! No beh se dovessi scegliere tra il tornare e non tornare al Canyon con la neve, sceglierei il tornarci mille volte!! È stata un’esperienza alternativa straordinaria!! Prima o poi scriverò anche di quello che ci è successo nel bel mezzo del deserto e di una tempesta di neve 🙂 un abbraccione a te!!

      Reply

  • Avatar

    Alessia

    Ps: inutile dire che seguirò il tuo magnifico viaggio in Alsazia? Ciao!

    Reply

    • Avatar

      home.luggage.blog

      Grazie!! Sulla pagina Facebook spero di riuscire a postare delle foto live 🙂

      Reply

Leave a comment

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.